Spiegazione sulla regressione

Tutti abbiamo sentito parlare di ipnosi e di solito nell’immaginario collettivo colleghiamo questa tecnica a esibizioni teatrali dove il mago con il solo sguardo riesce a fare compiere al malcapitato di turno qualunque azione. La letteratura è piena di romanzi che sfruttano il tema dell’ipnosi distorcendo in modo pesante la reale dimensione di quello che è realmente l’ipnosi.

ipnosi
Cosa sia questa tecnica e, prima ancora, questo fenomeno è per i più un mistero. Di certo, la spettacolarizzazione e la banalizzazione che ne fanno sedicenti maghi sui palcoscenici di TV e baracconi non ne aiuta la comprensione. Anzi, non fa altro che esaltare dicerie, pregiudizi e leggende che gravitano attorno all’ipnosi.

Oggi affrontiamo questo argomento cercando di riportare alla normalità le nostre conoscenze, descrivendo scientificamente come è composto il fenomeno ipnotico. Subito diciamo che non è una pratica magica, assolutamente no. Non è pericolosa in nessun caso e ci si risveglia sempre, anzi molte volte, pur entrando in una trance ipnotica, non ci si “addormenta” affatto e si resta sempre in uno stato vigile tanto che alla fine il paziente ricorda ogni cosa. Infine non si può eseguire ipnosi su di un soggetto che la rifiuta; in pratica non si può ipnotizzare nessuno contro la propria volontà.

Non tutti i soggetti possono essere ipnotizzati e perché avvenga la fusione, la trance ipnotica devono sussistere alcune delicate e basilari condizioni. Come si può osservare, si tratta, dunque, di un processo emotivo dove la partecipazione del soggetto da sottoporre a ipnosi ha una grande e attiva partecipazione.

Ciò premesso, l’ipnosi è l’uso consapevole di una comunicazione che ci mette a contatto diretto con la fonte di tutti i nostri problemi psicologici e le nostre emozioni: la sfera inconscia dove risiedono tutti i nostri ricordi e il contenuto stesso della nostra vita.

Nello stato di ipnosi, l’essere umano si trova in una condizione di coscienza particolarmente recettivo e disponibile, nel quale gli stimoli esterni non vengono solo percepiti per quello che sono ma assumono un valore diverso in quanto direttamente confrontabili con Il nostro inconscio che riesce ad elaborarli emotivamente, facendoci ritornare con la mente a fatti, percezioni e stati d’animo analoghi già vissuti nel passato. Non è uno stato di incoscienza, quindi, ma una condizione di grande apertura emotiva.

Nel caso della ipnosi regressiva, poi, ci è consentito scorrere la linea del tempo della vita attuale fin da prima della nascita. Con l’ipnosi regressiva è ancora possibile accedere a memorie di vite passate fornendo un contributo determinante a favore della teoria cosmica della reincarnazione. Davanti a queste evidenze non si può restare scettici, dunque accogliamo dentro di noi questo modello e vediamo come questa tecnica potrà migliorare la nostra vita risolvendo problemi che possono avere anche radici molto lontane nel tempo.

L’ipnosi regressiva è in questo senso un valido aiuto per fare riaffiorare i conflitti e le frustrazioni di un passato che, per una serie di fenomeni associativi della nostra coscienza, condiziona il presente. La regressione ipnotica è uno dei modelli di ricerca nell’inconscio di grande efficacia per scoprire l’evento storico negativo, chiamato “antefatto”, che influenza negativamente il presente e il proprio destino.

Nel caso si presentino memorie di vite precedenti, la ipnosi regressiva consente anche di valutare i debiti karmici; l’esistenza attuale di un individuo, può essere stata determinata da tutto ciò che di positivo o di negativo ha commesso nelle sue incarnazioni precedenti e così come il presente diviene il prodotto di ciò che si è stati, il futuro diverrà la risultante del passato e del presente. Il karma, dunque, deriva dalla legge di causa ed effetto. Ad ogni azione corrisponde una reazione e quindi ciò che si è commesso nelle vite precedenti dovrà essere “riparato” in una successiva esistenza.

La causa di un problema o di un malessere esistenziale nel presente, se non risiede nel dominio del qui ed ora, certamente risiede nel passato di questa vita o di altre precedenti. E’ normale scoprire che esiste una relazione simbiotica tra presente e passato tra antefatto e il fatto. La ricerca dei conflitti del passato, di passati impedimenti, sofferenze o altro consente di ampliare la conoscenza di se stessi, producendo, per mezzo di una leggera trans ipnotica un effetto liberatorio e di immediato benessere.

Forse vi stupirà sapere che molte delle persone che passano da una delusione amorosa all’altra senza di fatto concretizzare nessuna relazione stabile e durevole, con tutta probabilità stanno scontando un debito karmico che le porta a soffrire, a soffrire e continuare a soffrire. Conseguenza di un debito Karmico potrebbe essere comune a tutti quei soggetti che non riescono a realizzare nella vita nessun successo e passano da una delusione all’altra con rassegnata abitudine.

Anche chi subisce, purtroppo, dei dolori immensi dovuti alla perdita di persone care potrebbe scontare un debito a causa di un dolore simile provocato ad altri in altre vite. Se un soggetto in una sua vita passata ha nutrito un forte pregiudizio, nei confronti di una razza o di un gruppo di persone appartenenti a una certo gruppo etnico o credo religioso, è molto probabile che nella sua vita attuale sia nato egli stesso come membro di quel credo o quel gruppo per comprendere appieno il senso di quell’appartenenza e sostituire la tolleranza al suo preconcetto.

La buona notizia è che il karma non può e non deve essere inteso come punizione o ricompensa. Il Karma è una legge cosmica e nello stesso tempo un cammino interiore di esperienze che necessariamente bisogna intraprendere per acquisire cognizioni ed esperienze e attraverso queste poter capire e accettare l’intera gamma di situazioni umane ponendo rimedio laddove si è mancato o si sono commesse azioni discutibili.

Concludendo e riassumendo, l’ipnosi regressiva non è pericolosa, ci consente di conoscere le nostre vite passate, consente spesso di rimuovere quei blocchi negativi che condizionano il presente, ci consentono di comprendere i nostri debiti Karmici e a volte di porvi rimedio trasformando una vita complicata in una vita semplice; Sembra davvero interessante no ?

Una avvertenza prima di chiudere. L’ipnosi regressiva può essere praticata da chiunque, non servono doti particolari, fluidi o medicine. Non servono diplomi o lauree, non serve essere medici o psicologi (Legge 14.01.2013 n° 4 , G.U. 26.01.2013) a patto che si resti confinati nel dominio della semplice ispezione ipnotica e non si effettuino diagnosi o si forniscono terapie che comunque restano giustamente sotto il controllo di medici e psicoterapeuti abilitati.

condividi questo contenuto:

Lascia un commento