Progetto Attivazione Ghiandola Pineale (Epifisi)

 

 

La capacità innata di ciascuno di noi di restare in contatto con la dimensione quanto – energetica da cui proveniamo è affidata, o meglio era affidata, ad un apparato sensoriale particolare che si comporta come una antenna energetica ed un apparato biologico di sintonizzazione ad ampio spettro energetico. Il centro di questo apparato è rappresentato dal punto di vista fisiologico, dal nostro cervello e da alcune strutture in esso collegate e strutturate al suo interno e da un programma di utilizzo scritto e codificato nel nostro DNA. In altre parole da un punto di vista materiale il DNA ha il software necessario per attivare l’Hardware del nostro cervello. Un componente fondamentale di questa struttura è la ghiandola pineale, situata all’interno del cervello proprio in corrispondenza della fronte in mezzo agli occhi all’altezza della attaccatura del naso. La chimica di questo componete è semplice: esso produce e secerne melatonina prodotta a partire dalla serotonina che è un ormone profondamente legato agli stati emozionali e successivamente trasformato in DMT un composto chimico allucinogeno che consente il viaggio multidimensionale. Questa ghiandola è sensibile ai cicli giorno notte ed estate inverno e modula un ciclo biologico energetico denominato ciclo circadiano. Questa struttura è molto sensibile ai campi magnetici ed elettrici ma soprattutto alle loro variazioni nel tempo. Questa è l’interfaccia materiale ma ne esiste una energetica che si colloca su uno strato superiore rispetto a quella biologica. Entrambe le interfacce lavorano in sintonia perfetta, o dovrebbero lavorare in sintonia per chè di fatto nell’uomo egoico la interfaccia energetica è totalmente chiusa, bloccata e quella biologica atrofizzata. L’interfaccia energetica è composta da vortici in rotazione che “aspirano” e canalizzano frequenze energetiche diverse e ci pongono in continuo contatto con le matrici energetiche fondamentali. Questi vortici, vengono chiamati nei testi orientali, Chakra e rappresentano la chiave di accesso del corpo materiale alle dimensioni superiori. 

La Esomeditazione e le esofrequenze utilizzata con regolarità, unitamente ad un corretto stile di vita e alimentare, inducono la riattivazione del sito pineale in breve tempo con modifiche sostanziali del benessere vitale.

Chiedi Una seduta di Esomeditazione

 

Lascia un commento