Conferenza Sull’Inconscio – Milano Associazione Cerchio 33 – 11 Maggio 2019

 

inconsciocerchio33new

 

Queste sono le slide che ho preparato per la conferenza sul'Inconscio che si è svolta a Milano presso la sede della Associazione Culturale Cerchio 33 di Massimiliano Roncoroni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Conferenza è davvero ben riuscita grazie ad una organizzazione impeccabile ed un pubblico molto interessato e coinvolto: tante domande tutte pertinenti che hanno evidenziato un pubblico preparato e attento e consapevole. Grazie di cuore a tutti

condividi questo contenuto:

Sindrome di Dorian Gray

Sindrome di Dorian Gray

Sindrome di Dorian Gray – ovvero innamorati dell’anima e non del corpo. L’anima migliora sempre mentre il corpo invecchia sempre. E’ oramai palese l’emersione di alcune strutture emotive e sociologiche che mostrano tristi segnali di degrado sociale. Ad esempio il dominio dell’individualismo esasperato, del culto del corpo, l’ossessione per il sesso e per il successo, a cui si associa il terrore della morte e la caduta di valori come solidarietà, empatia e senso di responsabilità, difficoltà ad impegnarsi in reali relazioni di coppia, sono tutte tendenze documentate come fortemente emergenti pronte ad affermarsi con comportamenti conseguenziali. Quello che poteva essere un latente comportamento narcisistico presente in molti soggetti, si sta rapidamente trasformando in un autentico modello culturale, che viene veicolato attraverso una diffusione capillare di immagini e messaggi che in modo diretto o subliminale, esaltano la bellezza fisica associata ad avatar stereotipati e la cura maniacale dell’apparenza e la sessualità mostrate come panacee universali per il raggiungimento della felicità. La ostentazione maniacale mirata ad esibire stati d’animo e stili di vita edonistici attraverso i Social Network, i selfie, e la preferenza di taluni programmi televisivi che inneggiano al narcisismo spietato ( Uomini e donne, isola dei famosi, presentazione di personaggi femminili e maschili proposti come modelli standard di chiara bellezza), sono evidenti segnali di questo mutamento  In questo contesto nascono, a testimoniare la plasmabilità della mente e dell’apparato psichico Umano, nuove patologie di derivazione narcisistica, quali ad esempio l’ortoressia (ossessione per il mangiar “sano”) e la vigoressia (ossessione per il fisico perfetto), che si sommano agli aspetti disfunzionali classici quali disturbi dell’autostima e dell’affettività e senso di depressione legato al senso di inadeguatezza o estraneità psicosociale, che colpisce soprattutto i soggetti “meno predisposti” a adeguarsi ai valori dominanti. La Sindrome di Doria Gray, che non rappresenta una unità diagnostica ma la evoluzione negativa di un fenomeno sociale e culturale che va distinta dal Disturbo Narcisistico vero e proprio, presenta aspetti molto evidenti nella vita sociale di oggi e che diventano per chi decide di soffrirne, motivo di disagio sociale ed individuale a volte anche grave. Alcune evidenze ricorrenti sono:
- preoccupazione pervasiva per l’aspetto esteriore;
- dismorfofobia, ovvero l’ossessione per un’imperfezione fisica percepita e spesso non reale (sentirsi sempre troppo grassi, per esempio, o credere di a
vere un naso anormale);
- eccessivo ricorso ad integratori, cosmetici, farmaci e rimedi medici o chirurgici per perfezionare il proprio aspetto o combattere l’invecchiamento;
- ricorso immotivato a stimolanti sessuali e/o droghe per contrastare la preoccupazione sulla libido e/o l’efficienza erettile;
- interesse smodato per il sesso, con promiscuità sessuale e tendenza a ricercare pratiche sempre nuove e/o estreme.
La Sindrome di Dorian Gray si evidenzia nella tarda adolescenza e nell’età adulta, in corrispondenza dei cambiamenti legati alla maturazione corporea. Eventi come la perdita dei capelli, della tonicità della muscolatura e dei tessuti, l’aumento di peso o la riduzione della prestanza fisica percepita possono scatenare intense crisi psicologiche segnate dalla classica sintomatologia depressiva, anche in forma grave con idee di annullamento , svalutazione e inadeguatezza ai rapporti sociali. Questa Sindrome, in ultima analisi, è una palese evidenza degli aspetti mostruosi della superficialità emotiva che oggi domina e impera sui rapporti sociale e di coppia. Piacere e piacersi per quello che si è, deve essere un coacervo inserito profondamente nelle nostre strutture emotive e poco importa se si interagisce socialmente con persone che la pensano diversamente, con persone che non sanno guardare oltre il sottile strato della pelle per cogliere la meravigliosa luce dell’Anima con la quale scambiare vero amore.

 

 

condividi questo contenuto:

Esistono gli Angeli ?

Con questo articolo intendo umilmente introdurre alcuni concetti di base relativi alla umanizzazione che le menti producono, in relazione a “necessità” psichiche di proiezione e concretizzazione. L’argomento riguarda il bene e il male che da sempre sono iconografati attraverso figure idealizzate chiamate angeli e demoni, che per definizione, lottano tra di loro ciascuno per il proprio tornaconto. La umanizzazione di queste figure diventa fin troppo evidente quando trasferiamo su di esse una gerarchizzazione che si riflette su piani operativi ed evolutivi. Gli angeli diventano arcangeli, serafini, cherubini ecc ecc e i demoni diventano diavoli, larve, spiriti bassi, satana e lucifero, dove il capo satana in qualche modo li contiene tutti quanti. La creazione di gerarchie è una tendenza nettamente umana e non può in alcun modo riflettersi nel mondo spirituale dove il principio è unario e converge, anzi, nella assoluta eguaglianza e nell’amore incondizionato che annulla ogni disparità. Dal punto di vista psicologico, la gerarchizzazione angelica serve esclusivamente a creare classi di merito tra medium e canalizzatori i quali affermando di dialogare, o di ricevere, con angeli e simili, piuttosto che con entità “normali” potenziano il loro EGO a dismisura e cercano di farsi strada in un ambiente di nicchia dove pochi possono accedere. Prima di diventare impopolare, voglio precisare che credo molto nelle entità energetiche multidimensionali (è più facile chiamarli angeli ?) e credo anche che l’energia che esse rappresentano nella matrice quantica, sia davvero al di sopra delle nostre capacità intuitive e cognitive e dunque la risorsa della umanizzazione, oltre ad essere una necessità psichica, una sorta di nevrosi dalla genesi inconsapevole, è anche uno strumento dell’EGO nella fase competitiva della personalità. Credo anche che ci siano delle persone che più di altre hanno capacità di elevazione in frequenza e dunque di canalizzazione dimensionale; la sola cosa in cui non credo, e da cui mi tengo lontano, è proprio quella della distinzione e gerarchizzazione delle Entità e dell’Energia, concetti veramente insostenibili per scienza e coerenza spirituale. Dunque gli angeli non esistono. O almeno non sono assolutamente ciò che si pensa che siano. Tutto ciò che è relativo agli angeli è partito da una rappresentazione dei livelli di consapevolezza (umani e solo umani) per mezzo di una simbologia angelica che è nata molto, molto tempo fa e oggi viene “usata” a volte anche senza ritegno, per elevarsi rispetto alla massa. Nel panorama spirituale, dunque, da ritenersi uno spazio sacro, ci sono molti soggetti che hanno fatto fortune anche economiche con la simbolizzazione angelica. Persone che hanno creato “linguaggi”, regole e comportamenti sicuramente non coerenti con quello che divulgano. Agli angeli viene dato un nome e una missione, un compito come se fossero Umani. Agli angeli viene assegnato anche un ruolo da incarnati e una presenza consapevole tra di noi, nel qui e ora, proprio a sottolineare la assoluta “necessità” di un contatto anche materiale con questa fumosa realtà dai contenuti egoici. Infine vorrei invitare a leggere il libro di Enoch; Il libro di Enoch è un testo aprocrifo o pseudoapocrifo della Bibbia in quanto fu riconosciuto come non canonico dalla Chiesa cattolica e come tale non inserito nella bibbia che conosciamo. Il libro di Enoch viene citato da molti autori classici e paleocristiani, perlomeno fino all’undicesimo secolo. Poi scompare, fino a che venne citato da Pico della Mirandola che nei suoi studi di diritto canonico ne aveva consultato una versione greca a Bologna. In questo libro, ad esempio la parola angelo viene usata per indicare una volontà collettiva per mezzo della quale il Piano Divino si realizza liberamente e spontaneamente attraverso tutti coloro che sono continuamente collegati in coscienza con la Presenza Divina, diventandone un veicolo. È solo la nostra tendenza ad antropomorfizzare (a dare forma umana) le cose che ci porta a vedere degli esseri o delle entità lì dove ci sono solo “cose” o situazioni; se non avessimo la tendenza a dare forma umana, allora ci sarebbe molto più semplice comprendere che un angelo non è una entità che sta lì e che vede e modifica i destini umani. Senza questa “tendenza” (che è il risultato di modificazioni a cui sono stati sottoposti gli esseri e quelli delle religioni lo sanno e sanno come pilotare ciò a loro vantaggio), non sarebbe molto semplice convincerci che un angelo è una entità e sarebbe facile per noi comprendere e sperimentare facilmente che non esiste alcun angelo umanizzato, ma che gli angeli sono, a volte, semplici uomini con un grande cuore connessi con l’Universo Divino. Infine, e concludo, la definizione di angelo coincide con un archetipo separativo, una sorta di visione psichica della realtà: infatti se voglio descrivere le qualità di un soggetto, ad esempio, elencando una serie di attività con una costellazione di aggettivi positivi, posso usare una sola parola come di solito facciamo, “è un angelo”. Tale concetto racchiude e sintetizza, per mezzo dell’archetipo, ogni qualità positiva che può essere messa in atto oppure esternata a fin di bene.

condividi questo contenuto:

Protocollo Elaborazione del Lutto

PROTOCOLLO CON TECNICHE INTEGRATE PER LA ELABORAZIONE DEL LUTTO

Con la parola lutto  s'intende sia la reazione emozionale che si sperimenta quando perdiamo una persona significativa della nostra esistenza, sia il tempo che segue alla sua morte. Si estende anche il concetto di lutto come metafora anche quando si perde una persona cara, non fisicamente ma dal punto di vista del contatto fisico, ad esempio una separazione, un divorzio, una coppia che si rompe, ecc ecc. Chiunque sia mancato, un figlio, un coniuge, un genitore, un fratello, un nonno, un amico, sentiamo di aver perso una parte di noi stessi e, com'è naturale, sperimentiamo un periodo di sofferenza e difficoltà. Non si può amare qualcuno e perderlo, senza sentirsi soli e deprivati del suo affetto, della sua esistenza, senza diventare vulnerabili e provare dolore. Il lutto è come una ferita, il cui processo di cicatrizzazione e di guarigione richiede tempo e fatica. Questo processo costituisce un vero e proprio lavoro su se stessi per poter tornare a vivere una vita sicuramente molto diversa da quella precedente e che, gradualmente con il tempo, si scoprirà comunque densa di valore se si riuscirà a integrare la perdita nella trama della propria vita. Quando si perde una persona cara, si vive una delle esperienze più dolorose che la vita ci possa offrire. Riuscire ad affrontare questo difficile evento essendo capaci di mantenere un buon equilibrio interiore non è semplice. Nel vivere il lutto ci si scontra con la caducità della vita e col senso d’impotenza che si prova quando ci si rende conto di non poter fare più nulla per mantenere in vita la persona a cui siamo legati. Il lutto è vissuto ed elaborato in tempi e modi molto personali e differenti: non esiste una maniera giusta in assoluto. Ciascuno di noi ha personalità, modi di affrontare la vita e storie passate diverse, per cui il dolore e i comportamenti saranno differenti da quelli di qualsiasi altra persona, anche degli altri membri della famiglia. Alcuni superano il lutto in breve tempo, altri lo portano nel loro cammino a ogni passo; alcuni ne risentono profondamente, altri diventano più maturi, più validi di prima: certamente tutti ne soffrono e portano il ricordo della persona scomparsa.
Anche le manifestazioni del lutto sono molto diverse:
 alcune persone si comportano in maniera distaccata e controllata;
 altre piangono e si disperano rumorosamente;
 altre ancora vogliono stare da sole;
 certune preferiscono una compagnia costante;
 molte invece eliminano subito dopo la morte le cose che appartenevano alla persona cara;
 diverse altre le conservano immutate per anni;
 talune vanno ogni giorno al cimitero e altre ancora lo rifuggono totalmente.

Ogni lutto è diverso per qualità, intensità e durata delle reazioni emozionali, ma a tutte le persone richiede tempo e un vero e proprio lavoro per elaborarlo. Ciò che accomuna tutti i lutti è la presenza di un percorso con delle fasi che, pur con una certa irregolarità, in genere si susseguono: shock iniziale, disperazione, struggimento per la perdita, espressione di sentimenti e di reazioni emotive violente, nascita di una relazione interiore con il defunto, accettazione della perdita subita, e, solo alla fine, riorganizzazione di sé senza più la presenza fisica della persona cara. La risposta iniziale alla morte è uno stato di shock che paralizza e coinvolge completamente la persona. Si è talmente scossi e disorientati che per difendersi e sopravvivere alla perdita, si cerca di negare l'accaduto, di attutire le emozioni troppo forti per evitare la sofferenza e tenere lontano una realtà sentita insopportabile, priva di senso e portatrice in genere di significati essenzialmente negativi. Spesso può accadere che si è consapevoli razionalmente di ciò che è accaduto, ma non si riesca ad accettarlo emotivamente. Questo è un modo molto naturale per difendersi. Poi tutti gli interessi si concentrano sulla perdita e sul dolore. Il sonno, l'appetito, l'attività, la sessualità, la vita interiore e quella relazionale sono sconvolti: si può vivere un periodo più o meno lungo di abbattimento, costernazione, inibizione, astenia o iperattività paradossale e difensiva. Successivamente, quando si diventa più consapevoli della realtà della perdita, s'incomincia a esplorare il significato della privazione di quella figura per la propria esistenza. Si ripercorre la natura della relazione, guardando alla totalità della persona scomparsa, agli aspetti positivi e negativi, riconoscendo ciò che si è vissuto, condiviso e perduto e, per certe situazioni, anche tutto ciò di cui ci si è liberati, perché non sempre i rapporti sono stati semplici e soddisfacenti. In questa fase si è inondati da reazioni emotive più forti e più profonde di quelle che si sperimentavano abitualmente prima del lutto: tristezza, solitudine, nostalgia, paura, disperazione, angoscia, rabbia, rancore, rimpianti e sensi di colpa con i rispettivi correlati di aggressività e depressione, che sono i compagni più frequenti e fedeli di questo periodo. C'è il rischio di rimanere imprigionati nel passato e di allontanarsi dal presente. Frutto di questo periodo travagliato, in cui si apprende ad accettare la realtà della perdita, è lo sviluppo di una nuova relazione con la persona scomparsa. Si trova conforto nel conservare dentro di sé l'immagine della persona amata, i suoi valori, le esperienze condivise, sperimentando la capacità di mantenerne vivo il ricordo e la memoria e di continuare ad amarla, anche se non è più presente fisicamente. Successivamente, quando inizia un allentamento del dolore, diventa possibile riscoprire le proprie risorse e funzioni vitali che permettono di procedere nel percorso di ricostruzione della propria vita e di aprirsi agli impegni, ai progetti e ai rapporti, che aiutano a riaccostarsi alla vita e alla realtà.
Nelle situazioni normali, al di fuori quindi di lutti complicati e patologici, si deve pensare al lutto come a un processo che inizia, si sviluppa e si conclude: il dolore si attenua poco a poco e la vita riprende, colmando i vuoti con nuovi compiti e nuove presenze. Solitamente non si assiste alla remissione spontanea della sintomatologia nel caso in cui la persona colpita dal lutto non possieda quelle abilità cognitive e comportamentali necessarie a fronteggiare nel tempo l’emergenza. Infatti, non tutti possiedono un repertorio competente e capace di fronteggiare gli eventi stressanti improvvisi ed intensi come può essere la perdita di una persona cara.
In tale caso, ci potrebbe essere il rischio che l’esperienza della perdita porti ad un progressivo peggioramento della qualità della vita della persona fino a scatenare, in persone già predisposte, l’insorgenza di una psicopatologia quasi sempre connessa ad una PTSD ovvero sindrome da stress post traumatico.  In effetti, il meccanismo in base al quale sia possibile lo scatenarsi di una problematica psichica è riferibile al modello cognitivo-comportamentale: stress/vulnerabilità.

POSSIBILI APPROCCI RISOLUTIVI: Combinazione Ipnosi con Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR)

L’ipnosi è una condizione naturale della mente da non confondere con gli stati di veglia e di sonno. In questo stato la mente è recettiva rispetto a stimoli interni ed esterni ed esprime in modo diverso capacità di elaborazione e realizzazione. Può svilupparsi spontaneamente attraverso stimoli etero o auto provocati. Non può essere considerato come uno stato alterato di coscienza, bensì uno stato modificato dove l’accesso all’inconscio è facilitato attraverso il linguaggio delle immagini e delle metafore. In questo stato il soggetto beneficia della guida di uno psicologo o un esperto di tecniche ipnotiche in termini di ricostruzione, rafforzamento dell’io e livello di consapevolezza delle proprie risorse. L'EMDR è un approccio misto verbale visivo creato dalla psicologa americana Francine Shapiro nel 1987. Originariamente concepito come uno strumento utile nella psicoterapia del Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD), in seguito ha incorporato al suo interno spunti teoretici ed applicativi provenienti da differenti paradigmi psicoterapeutici allo scopo di potenziarne l'efficacia e la flessibilità (Shapiro, 1995), consentendo l'applicabilità della metodica ben oltre i limiti dell'originario ambito del PTSD. L'elemento di maggiore carattere distintivo dell'EMDR è certamente l'impiego di determinati stimolazioni da parte del terapeuta che, tipicamente, producono nel paziente movimenti oculari a destra ed a sinistra del suo campo visivo. Tali movimenti oculari, a loro volta, generano una sorta di elaborazione accelerata delle informazioni associata ad una più rapida risoluzione di eventi negativi e traumatici (Shapiro, 1995). Questo avviene mentre il paziente focalizza la sua attenzione sul ricordo dell’esperienza traumatica che ha contribuito allo sviluppo del suo disagio o patologia . La ricerca ha in seguito indicato come i movimenti oculari sarebbero solo una delle possibili modalità efficaci di stimolazione bilaterale; risultano efficaci anche altri tipi di movimento oculare: tamburellamenti sul dorso o sul palmo delle mani, rumori proposti alternatamente alle orecchie, l'osservazione di una luce che scorre su una barra luminosa (per una rassegna sulla ricerca sulla stimolazione bilaterale, Lipke, 2000). In ogni caso, tali stimoli devono essere proposti all'interno di un contesto caratterizzato da un'attenzione duale, ovvero un'attenzione rivolta contemporaneamente al target di intervento ed allo stimolo bilaterale proposto dal terapeuta. La procedura-tipo o algoritmo di intervento consta di otto fasi specifiche, composte di elementi "non specifici" (relazione terapeutica, elementi psico-educazionali, etc.), di elementi specifici (stimolazione bilaterale, sequenzialità degli interventi effettuati) ed elementi mutuati - direttamente o indirettamente - da altre tradizioni di ricerca (assessment e ristrutturazione cognitiva, esposizione graduale, abreazione, assecondamento delle libere associazioni, manipolazione delle immagini mentali e tecniche provenienti dalla tradizione della psicoterapia ipnotica. Sembra che esista un sistema innato di elaborazione dell’informazione e che le patologie si sviluppino a causa del blocco di questo meccanismo. In questo caso movimenti oculari opportunamente stimolati produrrebbero una ri-sincronizzazione dell’attività dei due emisferi. L’ipnosi condotta attraverso il linguaggio del terapeuta: uso delle visualizzazioni e delle metafore, può portare la persona a raggiungere uno stato di calma e di recupero di risorse e prepararla all’utilizzo dell’E.M.D.R. Inoltre, se necessario, potrà attivare la capacità di onorare il legame con il proprio congiunto, non più improntato sul dolore ma sull’amore. Una perdita può essere così devastante da bloccare tutti ricordi positivi della persona amata: è quindi importante far elaborare i momenti traumatici che creano disagio, per attivare l’affioramento dei ricordi positivi. I ricordi positivi rappresentano il ponte tra il mondo con la persona amata ed il mondo senza di essa, danno colore e significato alla relazione e costruiscono la nostra rappresentazione interiore di quella persona. La terapia ipnotica condotta prima dell'EMDR è poi assolutamente indicata quando il paziente non è in grado di "lasciarsi andare" e fidarsi delle proprie sensazioni ed emozioni, abilità fortemente richiesta dall'impiego dell'EMDR e che può essere gradualmente sviluppata attraverso l'impiego della terapia ipnotica: per esempio attraverso l'apprendimento di tecniche di autoipnosi. Allo stesso modo, la psicoterapia ipnotica sembra agevolare il successivo lavoro con l'EMDR con persone provviste di una scarsa competenza emotiva, la cui massima espressione è l'alessitimia, rappresentando l'approccio ipnotico un possibile contributo all'addestramento dello sviluppo delle competenze emozionali e di "ascolto propriocettivo" necessari per questi pazienti (Taylor, 1997). L'inizio della terapia attraverso l'ipnosi è poi da consigliarsi quando il paziente, essenzialmente come esito della sua storia di attaccamento (Giannantonio, 2000), si trova in una delle seguenti eventualità:
1) ha notevole bisogno di supporto per esplorare il proprio mondo interiore e, di conseguenza, l'impiego di metodologie ipnotiche è fortemente indicato potendo fare leva sul rapporto viscerale che instaura tra paziente e terapeuta e sul lavoro all'interno di una costante condizione di sicurezza. L'autoesplorazione sarà in questo modo avvantaggiata;
2) è estremamente diffidente ed ha paura di essere spinto in direzioni che non può controllare e per tale motivo, con l'EMDR, può scegliere di rendere impraticabile qualunque tentativo di lavoro diretto. Un preventivo lavoro permissivo ed indiretto con la psicoterapia ipnotica può essere fondamentale in quanto mostra chiaramente al paziente che il controllo del lavoro può e deve essere sempre nelle sue mani.
Potrebbe inoltre essere indicata l’impiego dell’ipnosi durante una seduta di EMDR quando il paziente ha bisogno di abbassare l’arausal dopo aver avuto accesso ad emozioni troppo intense e disturbanti o per sbloccare momenti di possibile stallo durante la seduta stessa causati da una difficoltà del paziente a tollerare il materiale emozionale emerso in seduta ed esplorare con maggiore discrezionalità l’area di lavoro che si sta accingendo a lavorare ed attivare le sue capacità di coping. L’EMDR viene utilizzata su ciò che c’è di più acuto, valutando naturalmente, con adeguato assessment le capacità e la prontezza del paziente al suo utilizzo, si lavora con l’elemento percepito con maggiore intensità, sui sintomi intrusivi se presenti, sui traumi, sul senso di impotenza, sul senso di colpa e sulle circostanze che hanno portato a far emergere i vissuti disturbanti. L’ipnosi è fondamentale come integrazione all’elaborazione del lutto, in quanto aiuta il paziente ad instaurare una sensazione di sicurezza, aumentare l’autoefficacia personale, a creare un legame di fiducia con il terapeuta che possa condurlo a guardarsi dentro.
Dopo che si elabora la perdita della persona amata, bisogna valutare cosa emerge nuovamente, cosa viene percepito, parte dell’elaborazione del lutto è una riconciliazione con sé stessi senza la persona cara. Terminata la seduta di EMDR, è opportuno utilizzare l’ipnosi per indurre un leggero stato di trance per stabilizzare il paziente e fargli recuperare energie se la seduta è stata faticosa ed impegnativa. A quanto scritto sino ad ora si può affermare che la psicoterapia ipnotica e l’EMDR sono facilmente e produttivamente integrabili in quanto si può dire che presentano alcune similitudini procedurali e concettuali quali:
1) entrambe tendono all'impiego olistico di tutte le risorse del paziente: razionali, comportamentali, emotive, somatiche, presupponendo, ericksonianamente, fino a prova contraria, che l'individuo possegga fin dall'inizio tutte le risorse necessarie per il cambiamento; o sono entrambi approcci intrinsecamente psicosomatici e, come tali, elettivi nell'intervento sui disturbi post-traumatici (van der Kolk, 1996);
2) entrambe sono particolarmente efficaci nell'intervento sulla memoria procedurale, sulla memoria stato-dipendente e nell'integrazione fra i differenti sistemi di memoria (Giannantonio, 2000);
3) entrambe puntano sull'integrazione degli stati di coscienza, dell'identità personale, delle reti mnestiche, e delle psicoterapie in genere, presupponendo anche una concezione intrinsecamente dissociativa della mente (Phillips, Frederick, 1995), e con ciò distanziando inevitabilmente l'EMDR dall'approccio cognitivo-comportamentale che pure, sempre più frequentemente, fa riferimento ad essa;
3) sono molto efficaci nel ridurre l'iperassociazione e la dissociazione, spesso entrambe presenti in molti traumi (van der Kolk et al., 1997);
4) entrambe consentono una vivida produzione di esperienze interpersonali profondamente mutative atte ad integrare le precedenti esperienze di attaccamento deficitarie o patologiche (Giannantonio, 2000; Manfield, 1998; Parnell, 1999; Wade, 2001)

condividi questo contenuto:

Ferite Infantili

Alcune delle ferite psicologiche che possono condurre ad alterazioni comportamentali adulte, si generano durante l'infanzia, a partire dai 4 anni di età circa ma a volte anche prima. Si tratta di alcuni comportamenti considerati dai genitori banali, normali: una promessa mancata, un viaggio di uno dei genitori senza spiegarlo al bambino, una lite destabilizzante tra mamma e papà, tutte cose che possono accadere e che vengono "normalizzati" in una routine familiare, ma che lasciano profonde tracce nella sfera cognitiva in formazione del bimbo. Ci sono Genitori che tendono a manipolare i bambini coinvolgendoli, ad esempio, in attività che non sono altro che una proiezione delle proprie occasioni mancate o frustrazioni. Ad esempio un genitore a cui piace il pianoforte e non ha potuto studiarlo, tenderà ad imporre al figlio questa attività anche contro la sua volontà. Quando un bambino viene manipolato o tradito ripetutamente dai suoi genitori, difficilmente si fiderà delle altre persone né di se stesso. Dovrà lottare con tutte le sue forze contro quella tendenza a non avere fiducia per riuscire a stabilire dei vincoli intimi con gli altri. Se si imbroglia un bambino promettendo cose che non può avere o che non ci si impegna a compiere, questo svilupperà un senso di sfiducia latente che ben presto si estenderà caratterialmente traducendosi in un comportamento, molto spesso, asociale. Per questo motivo, è importante regalare ad un bambino il giocattolo che gli avevate promesso, portarlo a giocare al parco se lo avete promesso o comunque trasmettere il messaggio che ci si può fidare degli altri. Naturalmente con il tempo il bambino crescendo svilupperà le proprie individuali esperienze che condurranno ad un giusto equilibrio tra il fidarsi incondizionatamente e fidarsi con valutazione del caso. Queste azioni agli occhi degli adulti possono passare inosservate o prive di importanza, ma  per i bambini rappresentano un insegnamento riguardo a cosa aspettarsi, in generale, dalle persone care. Se un bambino osserva che i suoi genitori mentono, imparerà che le parole hanno poco valore. Avrà quindi difficoltà a credere a quello che dicono gli altri e a sforzarsi più del necessario per rispettare le sue stesse parole. Segue la paura dell’abbandono che nasce anche essa in tenera età a fronte di precisi schemi maturati all’interno della matrice familiare. Un bambino che si è sentito solo, ignorato o abbandonato, inizierà a credere che la solitudine è totalmente negativizzante e opterà inconsapevolmente per una delle seguenti scelte: diventare eccessivamente dipendente dagli altri, cercando di continuo qualcuno che lo protegga e lo accompagni, oppure rinunciare alla compagnia degli altri, come misura precauzionale per non soffrire un potenziale abbandono. Coloro che seguono la necessità di una dipendenza affettiva, saranno in grado di tollerare qualsiasi tipo di relazione pur di non sentirsi soli. Credendo  di essere completamente incapaci di affrontare la solitudine e, per questo,disposti a pagare qualsiasi prezzo per la compagnia, anche una relazione devastante e distruttiva funziona.  Chi vive  nelle relazioni la paura dell’abbandono è incapace di godere dell’affetto sincero di una persona cara o di un compagno/a Marito o moglie. Per queste persone, l’amore è sinonimo di paura e  quanto più affetto proveranno per un’altra persona, più crescerà la loro ansia e il loro desiderio di scappare. Sono le classiche persone disposte a porre fine ad una relazione invidiabile per l’angoscia che provocherebbe loro un’eventuale perdita (abbandono) della figura amata. Un altro lato negativo del percorso educativo è la sensazione di rifiuto che i genitori a volte provocano nel bambino/a. Molti sono i canali attraverso cui si veicola questa visione negativa, cominciando dalle famiglie numerose dove esistono rapporti competitivi tra fratelli e sorelle oppure quando il bambino matura la netta sensazione di non essere stato voluto e desiderato ma di essere stato concepito per mero errore.  Ma anche un bambino che è stato continuamente criticato e sminuito dai suoi genitori, avverte lo stesso disaggio e diventa nemico di se stesso, sviluppando un dialogo interiore nel quale le costanti sono l’auto-rimprovero e l’auto-recriminazione. Questo bambino, in età adulta, probabilmente non si sentirà mai in accordo con ciò che fa o pensa. Troverà sempre il modo di sabotare i suoi piani e gli sarà difficile capire che possiede anche delle virtù e che può avere successo. Sentirà di non meritare l’affetto né la comprensione di nessuno, e che le sue espressioni d’amore nei confronti degli altri mancano di validità, supporto e sostegno.  In generale, questi bambini si trasformeranno in adulti isolati e sfuggenti, che proveranno panico in situazioni di contatto sociale, attraverso la espressione di vere e proprie crisi. Allo stesso tempo, saranno estremamente dipendenti dalle opinioni altrui. Di fronte ad ogni minima critica, si sminuiscono del tutto, poiché non sanno distinguere un’osservazione oggettiva da un attacco personale. Se oltre ad essere stato rifiutato, il bambino è anche stato umiliato, le conseguenze saranno ancora più gravi. L’umiliazione lascia sentimenti di ira irrisolti, che si trasformano in una sensazione continua di impotenza. Questa condizione molte volte trasforma le persone, rendendole tiranniche ed insensibili, e portandole ad umiliare gli altri, mentre a volte, specialmente in soggetti PAS, conduce ad una serie di rimarginamenti interiori finalizzati alla svalutazione personale.

condividi questo contenuto:

Quanto influisce la matrice genitoriale nella formazione caratteriale del bambino

A volte capita che i Genitori, anche inconsapevolmente, riversino sui figli, dei contenuti educativi ereditati dai propri genitori perpetrando quelle che vengono definite catene educative. Queste catene educative, tra l'altro, hanno la insita capacità di riportare contenuti educativi generazionalmente non più adeguati che si scontrano con i valori attuali. A seguito di ciò si instaurano spesso dei contenuti svalutanti all'interno dei quali un bambino viene manipolato o tradito insistentemente dai suoi genitori, o perlomeno questa è la sensazione che il bambino recepisce. Tali contenuti verranno in seguito riportati e riprodotti nelle relazioni future e dunque avendo perso fiducia nei contenuti genitoriali, difficilmente si fiderà delle altre persone e nemmeno  di se stesso. Dovrà lottare con tutte le sue forze contro quella tendenza a non avere fiducia per riuscire a stabilire dei vincoli intimi con gli altri. 

Si imbroglia un bambino quando gli si promettono cose che non può avere o che non ci si impegna a compiere. Per questo motivo, è importante regalare ad un bambino il giocattolo che gli avevate promesso, portarlo a giocare al parco il giorno stabilito insieme e dedicargli il tempo che avevate promesso di dedicargli.

Queste azioni agli occhi degli adulti possono passare inosservate o prive di importanza. Tuttavia, per i bambini rappresentano un insegnamento riguardo a cosa aspettarsi, in generale, dalle persone care.

Se un bambino osserva che i suoi genitori mentono, imparerà che le parole hanno poco valore. Avrà quindi difficoltà a credere a quello che dicono gli altri e a sforzarsi per rispettare le sue stesse parole. Questa cicatrice implica che, durante lo sviluppo, il bambino avrà grandi difficoltà a stringere rapporti con gli altri e a costruire una vera intimità – rifugio- nel quale si senta al sicuro con qualcuno.

La paura dell’abbandono

Un bambino che si è sentito solo, ignorato o abbandonato, inizierà a credere che la solitudine è totalmente negativa e opterà per una delle seguenti scelte: diventerà eccessivamente dipendente dagli altri, cercando di continuo qualcuno che lo protegga e lo accompagni, oppure rinuncerà alla compagnia degli altri, come misura di precauzione per non soffrire un potenziale abbandono.

Coloro che seguono la scia della dipendenza, saranno in grado di tollerare qualsiasi tipo di relazione pur di non sentirsi soli. Credono di essere completamente incapaci di affrontare la solitudine e, per questo, sono disposti a pagare qualsiasi prezzo per la compagnia.  

Chi scappa la paura dell’abbandono per la via dell’indipendenza ad oltranza è incapace di godere dell’affetto sincero di una persona cara. Per queste persone, l’amore è sinonimo di paura. Quanto più affetto proveranno per un’altra persona, più crescerà la loro ansia e il loro desiderio di scappare. Sono le classiche persone disposte a porre fine ad una relazione invidiabile per l’angoscia che provocherebbe loro un’eventuale perdita della figura amata.

La paura del rifiuto

Un bambino che è stato continuamente criticato e sminuito dai suoi genitori diventa nemico di se stesso. In questo modo, sviluppa un dialogo interiore nel quale le costanti sono l’auto-rimprovero e l’auto-recriminazione.

Questo bambino, in età adulta, probabilmente non si sentirà mai in accordo con ciò che fa o pensa. Troverà sempre il modo di sabotare i suoi piani e gli sarà difficile capire che possiede anche delle virtù e che può avere successo. Sentirà di non meritare l’affetto né la comprensione di nessuno, e che le sue espressioni d’amore nei confronti degli altri mancano di validità.

In generale, questi bambini si trasformeranno in adulti isolati e sfuggenti, che proveranno panico in situazioni di contatto sociale. Allo stesso tempo, saranno estremamente dipendenti dalle opinioni altrui. Di fronte ad ogni minima critica, si sminuiscono del tutto, poiché non sanno distinguere un’osservazione oggettiva da un attacco personale.

Se oltre ad essere stato rifiutato, il bambino è anche stato umiliato, le conseguenze saranno ancora più gravi. L’umiliazione lascia sentimenti di ira irrisolti, che si trasformano in una sensazione continua di impotenza. Questa condizione molte volte trasforma le persone, rendendole tiranniche ed insensibili, e portandole ad umiliare gli altri.

Le cicatrici lasciate da queste esperienze infantili sono molto difficili da rimarginare. Tuttavia, questo non significa che non sia possibile né che non possano trasformarsi positivamente. Il primo passo sta nel riconoscerle e nell’essere consapevoli che bisogna lavorarci su, per impedire che determinino il resto della nostra vita.

condividi questo contenuto:

Test dei colori

Il significato degli Otto Colori

Quanti sono i colori? Tanti tantissimi, e tutti meravigliosi. Ognuno di loro ha un fascino misterioso un significato psicologico e fisiologico. Questo significato è universale. E’ lo stesso in tutto il mondo, per i bambini come per gli adulti, per gli uomini e per le donne, che siano della nostra, o di un’altra cultura. Ciascuno di noi predilige un particolare colore. Sempre il medesimo, in qualsiasi momento? Saremmo portati a pensarlo. Ma, in effetti, non è così. Il colore rispecchia un nostro determinato stato d’animo, una particolare situazione che stiamo affrontando, esprime quel che noi stessi siamo o vorremmo essere.

test-dei-colori

condividi questo contenuto: